Le proteine in polvere fanno male?

E’ vero che le proteine in polvere fanno male? A causa dell’eccessiva dinsinformazione e delle poche conoscenze in ambito alimentare, sono in tanti ad essere convinti che gli integratori alimentari vadano evitati. Cosa c’è di vero? In questa piccola guida ti illustreremo cosa contengono le proteine in polvere, quali sono le dosi consigliate e le possibili controindicazioni.

proteine-in-polvere-fanno-male

Perché esistono le proteine in polvere?

Chi pratica attività sportiva in maniera più o meno intensa ha bisogno di recuperare sali minerali e di dare ristoro ai muscoli provati dagli allenamenti. Proprio per questa ragione sono presenti in commercio tantissimi tipi di integratori alimentari per dimagrire o per potenziare la struttura muscolare.

Non si tratta di farmaci o di sostanze illegali, ma semplicemente di prodotti studiati per fornire al corpo soltanto uno specifico nutrimento. Cercare di portare avanti una dieta proteica semplicemente curando la propria alimentazione è difficile, perché quasi tutti i cibi ricchi di proteine hanno comunque grassi o carboidrati associati. Per un’integrazione proteica efficace e mirata sono state create le proteine in polvere.

Cosa contengono le proteine in polvere

Per verificare se le proteine in polvere fanno male o possono essere prese liberamente, andiamo a controllare gli ingredienti di una normale confezione di proteine Whey.

Ingredienti proteine in polvere: estratto del siero del latte, dolcificante ipocalorico, aromi per dare un gusto specifico, matrice di aminoacidi, taurina, BCAA 2 1 1.

Che cos’è l’estratto del siero del latte

E’ la parte liquida che si separa dal latte durante la produzione del formaggio. Sono molto utilizzate negli integratori perché contengono diversi aminoacidi a catena ramificata, fondamentali per la salute del nostro organismo. Spesso negli integratori si legge la scritta “proteina del latte idrolizzata“: questo significa che è stata predigerita attraverso l’uso di enzimi. In questo modo l’organismo metabolizzerà le proteine molto più velocemente e affaticando meno l’apparato digerente.

Ingredienti delle proteine in polvere potenzialmente tossici

Le proteine sono il mattone base che permette la nostra vita. Un’alimentazione senza proteine ci porterebbe a gravi alterazioni metaboliche. Tra gli ingredienti delle Whey non sono certamente le proteine ad essere nocive per la salute. L’aspartame fa male e con lui tutti i dolcificanti artificiali, chiamati anche edulcoranti. Si tratta purtroppo di un ingrediente presente in tantissimi alimenti: dal tè allo yogurt. E’ quella stessa polvere bianca che trovi anche al bar con la scritta dolcificante con cui puoi sostituire la bustina di zucchero per bere il tuo caffè quotidiano.

La presenza del gusto dolce nelle polveri proteiche (banana, fragola, biscotto, cioccolata, vaniglia, …) è possibile solo grazie alla presenza dei dolcificanti. Ecco la ragione per cui consigliamo di scegliere una confezione che non abbia gusti o aromi particolari.

Guarda le migliori proteine in polvere in commercio

Proteine in polvere bio

Un ottimo prodotto che ci sentiamo di consigliare è offerto dall’azienda foodspring, un marchio che si è specializzato negli anni nella produzione di integratori per la palestra preparati con ingredienti biologici.

proteine-bio-whey

  • con latte allevato da mucche al pascolo 100% naturale;
  • dolcificanti naturali a base di stevia, con zero calorie;
  • solubilità molto migliore rispetto alle classiche proteine in polvere;
  • profilo nutrizionale superiore alla media;

Sono ideali per integrare la tua alimentazione con delle ottime proteine Whey Bio. Vengono prodotte attraverso la lavorazione del latte prodotto da mucche nutrite solo con prodotti naturali e senza OGM e libere in ampi pascoli. Il gusto alla vaniglia viene ottenuto utilizzando le bacche naturali di vaniglia e la dolcezza viene data dalla pianta di stevia, naturale al 100%, priva di calorie e di effetti indesiderati.

SCOPRI DI PIU’ >>


Le proteine in polvere alla soia fanno male?

E’ una scoperta che ha un po’ scosso il mondo dei vegani. Mangiare troppa soia fa male, soprattutto alle donne a causa dell’alto tasso di fitoestrogeni. Questo, secondo recenti studi, sembrerebbe che possa aumentare la percentuale di insorgenza di patologie come tumore al pancreas e al seno. Di proteine in polvere vegetali ne esistono tantissime: meglio scegliere ad esempio quelle estratte dal pisello. Il gusto non cambia e anche la qualità nutrizionale.

proteine-in-polvere-vegane


Quando le proteine in polvere fanno male

Questi integratori alimentari dal punto di vista proteico sostituiscono perfettamente la carne o i latticini, con il vantaggio di ridurre quasi a zero l’apporto di grassi. Inoltre sono consigliati da molti nutrizionisti perché sono facilmente assimilabili, al contrario invece di una bistecca che richiede ore per essere digerita dal sistema digerente.

Ovviamente non bisogna esagerare. Dicono che le proteine in polvere fanno male al fegato e ai reni. In realtà questo è vero anche per la normale alimentazione se si superano determinate quantità. Questo significa che le proteine del siero del latte fanno male quanto fanno male i formaggi magri. Nelle giuste quantità nulla fa male Una dieta eccessivamente ricca di proteine non è salutare e porta ad un sovraccarico ai reni e al fegato.

Quante proteine si possono assumere al giorno in totale? Considerando sia l’alimentazione che gli integratori, non bisognerebbe mai superare 1,5 – 2 grammi di proteine al giorno per ogni chilogrammo di massa corporea. Un soggetto in buono stato di salute, infatti, può consumare fino a 100-140 grammi di proteine ogni giorno. Esagerare non è mai consigliato!

Ovviamente come tutti gli integratori alimentari, le proteine in polvere sono sconsigliate alle donne in gravidanza, ai soggetti che presentano intolleranze ai latticini (in quel caso meglio le vegetali) e ai minori in età di sviluppo. In questi ultimi casi è sempre consigliato chiedere il parere al proprio medico di fiducia.

Inserisci un commento

 
Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Modalità di trattamento dei dati.