I pomodori fanno ingrassare? Calorie, valori nutrizionali e controindicazioni

Quando si inizia una dieta dimagrante, è naturale farsi domande sull’apporto calorico degli alimenti inclusi nel piano nutrizionale. Sono tante le persone che, in situazioni del genere, si chiedono se i pomodori fanno ingrassare o meno.

pomodori-calorie

Questi vegetali annuali sono una vera e propria eccellenza che ci invidia tutto il mondo. Apprezzatissimi da chi ama cucinare e vuole sbizzarrirsi ai fornelli anche quando ha poco tempo, i pomodori sono caratterizzati da numerose proprietà benefiche. Vediamole assieme e scopriamo se fanno bene o male alla linea!

Valori nutrizionali e apporto calorico

Per rispondere alla domanda “i pomodori fanno ingrassare?” è necessario innanzitutto parlare dei loro valori nutrizionali e dell’apporto calorico. Ricchissimi di acqua e vitamine di diversi gruppi, i pomodori hanno poche calorie. Per dare qualche numero concreto, parliamo di 20 circa per ogni etto di prodotto scondito. Fantastico, vero? Certo che lo è!

Calorie Pomodori: 18 kcal

Carboidrati 3,9 g
Proteine 0,9 g
Grassi 0,2 g

Questo ci aiuta a capire che la risposta alla domanda è negativa! I pomodori non fanno ingrassare assolutamente, ma rappresentano anzi un’ottima soluzione per mangiare con gusto quando si è a dieta. La ricchezza d’acqua è particolarmente congeniale al dimagrimento. Per quale motivo? Prima di tutto perché un adeguato apporto idrico quotidiano aiuta a depurarsi dalle tossine.

Approfondimenti: Dieta depurativa sgonfiante e disintossicante – ricomincia a sentirti meglio

In secondo luogo va ricordato che l’acqua è un termogenico naturale. Come agisce? Provocando un aumento della temperatura corporea e migliorando di conseguenza i meccanismi metabolici dell’organismo. Se si tiene conto che i pomodori sono costituiti per il 94% da acqua, è facile capire quanto siano vantaggiosi per chi vuole mantenersi in forma!

Il pomodoro fa ingrassare?

I pomodori non fanno ingrassare di base. Questo non significa che non siano necessarie alcune attenzioni quando li si assume. Le più importanti riguardano le associazioni.

Per sfruttare al massimo le proprietà dei pomodori, caratterizzati dalla presenza di un antiossidante salutare come il licopene, è necessario accompagnarli con cibi light. Ottimo è il classico mix pomodori e insalata, ma anche il pomodoro da solo, con un filo d’olio extra vergine di oliva e una spruzzata di origano ha il suo perché.

Per quanto riguarda il condimento, è fondamentale non esagerare e seguire pedissequamente le indicazioni dei nutrizionisti, che suggeriscono di mantenersi entro i 2/3 cucchiai.

Ovviamente, se si ha intenzione di consumare pomodori, è bene evitare di assumerli sotto forma di ketchup e altre salse particolarmente caloriche e caratterizzate dalla presenza di una quantità eccessiva di zuccheri.

I benefìci dei pomodori per la salute

Abbiamo risposto chiaramente alla domanda “i pomodori fanno ingrassare?” e adesso ci concentriamo bene sui benefìci non inerenti il dimagrimento. Come già detto, i pomodori sono caratterizzati da un ottimo livello di sostanze antiossidanti.

In primo piano troviamo la vitamina C, una sostanza che ha un ruolo decisivo quando si tratta di mantenere l’efficienza del sistema immunitario e di tenere sotto controllo l’attività dei radicali liberi.

Eccellenti alleati del cuore – sono considerati dei veri e propri farmaci naturali – i pomodori sono contraddistinti, come già detto, dalla presenza di licopene. Questo antiossidante è noto per il suo ruolo di protezione nei confronti delle malattie degenerative.

Lo troviamo soprattutto nella buccia, in dosi pari a 50 mg circa ogni singolo etto. Secondo diversi studi internazionali, l’assunzione di licopene sarebbe in grado di prevenire una patologia grave come l’osteoporosi.

Da non trascurare quando si parla del ruolo dei pomodori nella dieta è anche la presenza di luteina e betacarotene. Queste due sostanze sono essenziali per l’efficienza della vista. Come non citare poi il contenuto di fibre? Questi principi nutritivi, presenti in grandi quantità nei pomodori, migliorano l’efficienza intestinale e rallentano l’assorbimento degli zuccheri nel sangue.

L’ultimo aspetto è particolarmente rilevante in quanto è sinonimo di prevenzione dei picchi glicemici, condizioni spesso associate ad attacchi di fame fuori pasto, al consumo di alimenti troppo ricchi di carboidrati e a chiari aumenti di peso.

Controindicazioni

Esistono delle controindicazioni ai pomodori? La risposta è affermativa. Tra queste troviamo in primo luogo l‘allergia alle solanacee, una famiglia di vegetali che comprende anche le melanzane, i peperoni e le patate. L’assunzione di pomodori andrebbe evitata anche in caso di allergia o intolleranza al nichel.

Per il resto come abbiamo visto si tratta di alimenti che, assieme a dei validi esercizi per dimagrire, sono assolutamente utili alla linea, alla bellezza della pelle e ai fini di prevenire malattie gravi come i tumori.

Altri articoli che potrebbero interessarti

cosa-mangiare-a-cena-per-dimagrire

Cosa mangiare a cena per dimagrire

 

scheda-palestra-per-dimagrire

Scheda palestra per dimagrimento

 

mangiare-prima-di-dormire

La corretta alimentazione per dimagrire

 

 

Inserisci un commento

 
Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Modalità di trattamento dei dati.