Pcr alta cause, sintomi e cosa fare con valori alti

Quando si parla di proteina C Reattiva, si vuole indicare una proteina che viene prodotta normalmente dal nostro organismo. A sintetizzare tale proteina, sono le cellule adipose ed il fegato, aumentandone in questa maniera la concentrazione nel sangue, specialmente a seguito di processi infiammatori.

La C Reattiva inoltre, è una proteina della fase acuta, che oltre ad aumentare in casi di infiammazione, aumenta anche nelle fasi acute di determinate patologie. Nello specifico, i livelli elevati di PRC, si manifestano a seguito di condizione stressanti a cui è sottoposto il nostro organismo, come ad esempio il decorso post-operatorio.

Questi valori tuttavia, non danno le giuste informazioni sulle condizioni della patologia in corso, ma rappresentano comunque un campanello di allarme di una condizione infiammatoria in atto.

Proteina C Reattiva valori normali

Valutare i livelli della proteina C Reattiva è molto importante per comprendere se sono in atto, nell’organismo, dei processi infiammatori, ma non ci forniranno mai informazioni utili per effettuare una diagnosi dettagliata.

Le motivazioni principali che conducono un medico a prescrivere tale analisi per valutare la concentrazione della proteina C reattiva sono:

1. Monitorare una infezione in corso a seguito di intervento chirurgico
2. Tenere sotto controllo forme particolari di artrite
3. Per valutare la presenza o meno di patologie infiammatorie
4. Per tenere sotto controllo lo stato di salute dei soggetti a rischio attacco cardiaco, con le valutazioni di ulteriori parametri
5. Per monitorare ed individuare la presenza di infezione virale, fungina o batterica
6. Per monitorare o rilevare la presenza di patologie autoimmuni, come ad esempio il lupus sistemico
7. Per valutare il rischio di coronaropatie

Sintomatologia in presenza di livelli alti della Proteina C Reattiva

Quando i valori della proteina C Reattiva sono alti, a causa di una infiammazione acuta o cronica, si hanno i seguenti sintomi:

1. Pelle arrossata
2. Dissenteria
3. Gonfiore della cute
4. Febbre
5. Dolori articolari anche in assenza di sforzi fisici
6. Affaticamento
7. Difficoltà respiratorie
8. Inappetenza
9. Sudorazione e brividi
10. Nausea
11. Problemi urinari
12. Dolori addominali
13. Perdita del peso corporeo
14. Dolore pelvico
15. Ittero

In presenza di uno o più sintomi in maniera persistente, è opportuno consultare tempestivamente il proprio medico, perché alla base potrebbero esserci delle patologie molto importanti

Quando la PCR aumenta, spesso si possono nascondere delle patologie, e tra le più frequenti ricordiamo:

1. Infiammazione dell’appendice
2. Intervento chirurgico recente
3. Linfoma
4. Artrite reumatoide ed reumatismi articolari
5. Infezione batteriologica
6. Infezione virale
7. Infiammazione del pancreas
8. Lupus eritematoso sistemico e alte malattie autoimmuni
9. Rischio di coronaropatia
10. Infezioni fungine
11. Tubercolosi
12. Setticemia
13. Traumi o Ustioni
14. Polimialgia reumatica
15. Patologia infiammatoria pelvica
16. Morbo di Crohn ed altre patologie infiammatorie a carico dell’intestino
17. Attacco cardiaco
18. Gotta
19. Colecistite
20. Rettocolite ulcerosa
21. Colon iritabile
22. Morbillo
23. Colangite
24. Sinusite
25. Bronchite
26. Raffreddore
27. Infiammazione renale

Quando la Proteina C Reattiva è bassa

Se a seguito delle analisi del sangue, i valori della Proteine C Reattiva risultano essere troppo bassi, questo significa che il paziente dovrà sottoporsi ad ulteriori esami. I sintomi che hanno condotto il soggetto a tale test, non dipendono dai valori della PCR, che se bassi, non destano alcuna preoccupazione.

Nonostante questo, è opportuno rivolgersi sempre al proprio medico, perché solo un professionista sarà in grado di comprendere il tipo e la gravità della patologia. Il medico inoltre, potrà indirizzarvi da uno specialista, in maniera tale da poter avere una diagnosi dettagliata, e stabilire la giusta cura farmacologica.

Fattori che possono influire sul risultato delle analisi

Come per la maggior parte dei test condotti in laboratorio, anche le analisi per comprendere i valori della proteina C Reattiva possono essere influenzati da determinati fattori.

Tra quelli più comuni che possono alterare la PRC troviamo:

1. Gravidanza
2. Somministrazione di determinati farmaci, come le pillole anticoncezionali per via orale, l’ibuprofene, il paracetamolo e le stanine
3. Obesità del paziente

L’esame del sangue della PRC, non solo è importante per comprendere se un soggetto è affetto o meno da un processo infiammatorio, ma è molto importante anche per le persone sane, perché se effettuato tale test con altri esami, si è in grado di stabilire se il soggetto è a rischio attacco cardiaco.

Inserisci un commento