Il latte fa ingrassare? Quale latte è meglio bere per dimagrire (o per non ingrassare)

Una nostra lettrice ci scrive: “Ho letto su un blog che il latte fa ingrassare ed è meglio evitarlo soprattutto se si è a dieta. C’è scritto che il latte a colazione ingrassa, è vero? Qual è la differenza con quello parzialmente scremato?“.

il-latte-fa-ingrassare

Il latte parzialmente scremato non fa ingrassare, anzi ha un ottimo rapporto nutrizionale

Il latte è un alimento aggiunto solo “di recente” nella nostra alimentazione. Da quando cioè l’uomo è diventato stanziale, circa 10.000 anni fa ed ha iniziato ad allevare gli animali al pascolo provando varie cibi per sopravvivere ai momenti di carestia. Il latte si è dimostrato un alleato prezioso per la nutrizione umana per il suo ottimo profilo proteico, completo di tutti gli aminoacidi essenziali che il nostro corpo non è in grado di produrre.

In commercio oggi troviamo il latte vaccino intero, quello parzialmente scremato e il latte scremato. In questa piccola guida vedremo quale preferire, soprattutto se si è a dieta, analizzandone il profilo nutrizionale.

Il latte fa ingrassare?

Per rispondere a questa domanda in maniera scientifica e senza perderci in chiacchiere seguendo le varie nuove mode alimentari, vediamo se il latte ingrassa analizzandone il profilo nutrizionale dal punto di vista dei macronutrienti.

Approfondimenti: Guarda la tabella completa con i valori nutrizionali del latte

Latte intero di mucca – 100 ml
Calorie 64 kcal
Grassi 3,7 g
Carboidrati 4,9 g
Proteine 3,3 g

Dire che il latte intero fa ingrassare non è proprio corretto. Bere una tazza di latte a colazione ingrassa? Una porzione da 200 ml apporta circa 130 calorie e meno di 8 grammi di grassi. Siamo su livelli accettabili e generalmente non è certamente il latte il problema della colazione.

Analizzandone la composizione in termini di glucidi, proteine e lipidi, si nota subito che il rapporto nutrizionale è leggermente sbilanciato in favore dei grassi. Analizzando il contributo di ogni macronutriente dal punto di vista calorico si nota che:

  • i carboidrati apportano il 30% delle calorie totali;
  • i grassi apportano il 52% delle calorie totali;
  • le proteine apportano il restante 18% delle calorie del latte;

Come puoi vedere il rapporto del latte intero (30-52-18) è piuttosto lontano da quello ricercato da molti ad esempio con la dieta a zona (40-30-30). Proprio per questa ragione viene spesso consigliato di non consumare latte intero, ma di preferire il latte parzialmente scremato che ha invece una composizione molto più bilanciata.

Latte parzialmente scremato di mucca – 100 ml
Calorie 48 kcal
Grassi 1,6 g
Carboidrati 5,0 g
Proteine 3,3 g

Come si può vedere la quantità di grassi presenti si è più che dimezzata. Il rapporto tra i nutrienti, sul calcolo delle calorie totali, è diventato ora circa pari a (40-30-30), perfettamente compatibile quindi anche nelle dieta a zona.

Approfondimenti: è vero che il latte fa male?

Il latte parzialmente scremato può essere considerato un alimento ben bilanciato e che può essere consumato a colazione anche da chi è a dieta. Ovviamente non è da accompagnare con biscotti, Nutella e dolciumi vari, altrimenti quei grassi che abbiamo evitato del latte intero per paura di ingrassare li assumiamo in altro modo (e in forme molto peggiori).

Abbiamo già analizzato quali sono le colazioni ideali per la dieta: meglio il pane, dei cereali o muesli senza zuccheri o grassi aggiunti o dei pancakes proteici.

Il latte fa ingrassare di sera?

Ecco un altro luogo comune. Bere il latte la sera ingrassa. Anche qui il problema del latte caldo dopo cena, si pone non perché il latte faccia ingrassare davvero, ma perché spesso o segue un pasto già abbondante o si accompagna con miele, cioccolata, zucchero. Ti renderai conto che non è il latte il problema, ma tutto ciò che mangi prima, durante o dopo.

Perché allora dopo aver bevuto latte mi sento pieno e gonfio?

Questo può dipendere dalla composizione proteica del latte. Le caseine, che compongono l’80% dello spettro proteico di questo alimento, hanno dei tempi di digestione più lunghi e anche per questa ragione danno un senso di sazietà più duraturo. Se dovessi sentirti gonfio ed eventualmente anche avvertire problemi di meteorismo e aria intestinale, potrebbe dipendere da una più o meno leggera intolleranza al latte.

Quindi non è il latte che fa ingrassare, è il tuo organismo che non ha l’enzima lattasi a scindere le particelle di lattosio. In questo caso può aiutarti il latte ad alta digeribilità.

Il latte senza lattosio fa ingrassare?

Con la consapevolezza e la diffusione delle intolleranze alimentari che si è avuta negli ultimi 10 anni, alcuni prodotti sono finiti sotto i riflettori. Tra questi anche il latte senza delattosato, chiamato anche ad alta digeribilità, ottenuto attraverso l’uso di enzimi che riducono drasticamente la concentrazione di lattosio.

Questo non significa che contiene meno grassi, ma semplicemente che il lattosio, lo zucchero del latte, è “predigerito” da questi enzimi. Il profilo nutrizionale e le calorie restano le stesse.

Fonti:

  • Composizione e indicazioni nutrizionali del latte intero – Centrale del Latte di Salerno;
  • Composizione e indicazioni nutrizionali del latte parzialmente scremato – Lattebusche;

Inserisci un commento

 
Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Modalità di trattamento dei dati.